Pensieri e parole

La mia tesi vince il Premio di Laurea “Si può fare di più” XXI edizione della Fondazione Cogeme Onlus

Premio di laurea Si può fare di più 2017

È successo una terza volta: è successo che, dopo il premio di laurea Socialis e il Premio Ecologia – Laura Conti, ne ho vinto un terzo, sempre sulla stessa tesi magistrale. Cosa penso? Penso che, a questo punto, il mio lavoro vale davvero tutti i suoi successi e che non c’è fortuna che tenga ma solo tanto merito. Penso di essermi preso la mia rivincita su tutti quei “no” disonesti, montati a tavolino per far posto ad altre persone meglio raccomandate. Ora riesco a pensare liberamente (e finalmente) che avevo ragione e che certe cose mi spettavano di diritto, senza aver paura di apparire snob o di tirarmela. Ho vinto e basta, nessuno me lo potrà più negare.

Ma non ho vinto solo io. Ha vinto una nonna che ha imparato a leggere e a scrivere copiando i testi delle canzoni, un’altra nonna che aveva a cuore che imparassi tutte le tabelline, dall’1 al 12 (“perché senza non si può vivere”), hanno vinto due nonni operai, ha vinto un padre che lavora da quando era in fasce, ha vinto una mamma bidella bellissima, e ha vinto un fratello che mi appoggia in tutto… Ha vinto un’intera famiglia Operaia, Onesta e Pulita.

Il premio, indetto da Fondazione Cogeme Onlus, in collaborazione con le società del gruppo Cogeme, Acque Bresciane e Linea Group Holding (LGH), promuove un concorso annuale per premiare tesi di laurea di particolare interesse scientifico nell’intento di valorizzare studi con particolare riferimento ai principi guida del documento Unesco “La carta della terra” ed in relazione alle attività del gruppo Cogeme-Acque Bresciane-LGH. In questa XXI edizione la mia tesi di laurea “Green computing e e-commerce sostenibile. Idee per una tecnologia a ridotto impatto ambientale” vince il premio per la sezione Innovazione digitale “Mauro Calvinato”

Grazie a chi mi ha aiutato a scrivere questa tesi: amici, meravigliosi professori e semplici “ammiratori”. Sono felice ed orgoglioso di condividere questo premio con voi.

“Un lavoro di ricerca accurato e ben coordinato che propone uno sguardo scientifico molto interessante rispetto ad uno sviluppo sostenibile e a ridotto impatto ambientale della tecnologia informatica, ripensando quindi il rapporto tra l’uomo e la tecnologia”